Item:Q11010

From EAGLE MediaWiki
Jump to: navigation, search

CIL 06, 10731, p. 3507 [edit]

No description defined yet [edit]

No aliases defined. [add]

Statements

EDR149991
[edit]
[add]
AGLI DEI MANI. Chiunque tu sia, tenero padre o madre che hai generato, ascolta: aver prole è buona cosa, se non è avverso il destino. L'invida morte non ti rapisca alltrettanto presto i figli, sì che tu per i miei, quasi fossero tuoi, possa pregare che, come meritano, sia lieve la terra, e, benché spenti, sopravvivano in effige, e siano oggetto di culto per sempre. Il padre Elio Marcellino al figlio Felicissimo. Feci bene, se intendono qualche cosa gli Inferi. Visse dieci anni, cinque mesi, undici giorni.
[edit]
[add]