Item:Q11019

From EAGLE MediaWiki
Jump to: navigation, search

CIL 06, 21200, p. 3526 [edit]

No description defined yet [edit]

No aliases defined. [add]

Statements

EDR150067
[edit]
[add]
LE OSSA DI LESBIA QUI SONO DEPOSTE. O tu che passi, se hai un'ombra di pietà nel petto, fermati e versa lacrime sulle mie povere ossa, che qui vedi sepolte. Fu lodata la mia condotta e piacque la mia bella persona ad Anchialo, che il dolore strema. Sono Lesbia. Solo lasciai le dolci consuetudini e, finchè vissi, adempiei docilmente ai miei doveri. Se vuoi conoscere il mio nome, Lesbia. Se quello dei due che m'amarono, uno è il gentile Anchialo, l'altro ottimo Spurio. «Ma che cos'è ciò che vedo?» Son le mie ossa, deposte nell'urna. Vivi, straniero, fino a che ti è concesso; e sta' sano.
[edit]
[add]